Serramenti nuovi: consigli per l’acquisto

Serramenti nuovi: consigli per l’acquisto

Se vuoi serramenti nuovi per la tua casa, non affidare la scelta al caso. Attraverso questo articolo ti darò dei preziosi consigli per l’acquisto permettendoti di distinguerti dalla maggior parte delle persone che si avvicinano al mondo del serramento solo poco prima di comprarli. Ti eviterò di richiedere troppi preventivi e di affidarti alle promesse del venditore, di guardare solo l’aspetto economico.

Troppo spesso le persone sono convinte di aver fatto un ottimo acquisto, si vedono posare i nuovi infissi nella propria abitazione…

“passa il primo anno, ma con l’arrivo dell’inverno nascono i primi problemi di condensa superficiale e muffa sui muri…”

Nonostante mille tentavi pare che il problema non si riesca più a nascondere, tanto che dopo qualche mese s’intravede una situazione come questa in foto…

finestre-pvc-contro-umidita-condensa

“Eppure gli infissi sono nuovi, certificati e altamente isolanti…

Il venditore ci aveva garantito che non avremmo avuto problemi di nessun tipo!

E ora, cosa faccio?!”

Questo e altro ancora mi sento dire ogni qualvolta il committente si ritrova in situazioni del genere. Evitare problemi di questo tipo non è impossibile, ma è necessario sottolineare che il compito di chi progetta è la posa in opera.  Oggi esistono tutti i mezzi per farlo, basta solo rivolgersi a chi ha le competenze, null’altro. Non sempre l’offerta più economica è la più vantaggiosa.

Perché spendere male i propri soldi per un qualcosa che dovrebbe durare una vita?

A volte basta anche solo un consulto, per capire se si sta facendo la scelta giusta.
Chi è del mestiere impiega poco a capire se un’offerta è da ritenersi valida o meno, basterebbe chiedere al venditore, semplicemente, quali materiali per la posa utilizza… e a questo punto i giochi sono fatti!

Dopo aver capito da cosa dipende il costo dei serramenti nuovi è necessario assicurarsi che la posa in opera sia eseguita in modo corretto altrimenti si rischia di tornare al punto di partenza…

Ma qual’è il modo migliore per posare un serramento?

Innanzitutto bisogna fare una distinzione fondamentale tra serramenti che vanno posati su un edificio di nuova costruzione da quelli che sostituiscono dei serramenti esistenti.

Nel caso di nuova costruzione è sicuramente più facile operare perché tutto è programmabile:

Posizione del serramento: si può scegliere in fase di progettazione, compatibilmente con le esigenze del cantiere;

Tipo di controtelaio: anche questo il più delle volte è fornito dal serramentista che poi fornirà anche i serramenti;

Nodo primario e secondario: geometria, tolleranze e studio del nodo possono essere scelti già in fase di progettazione;

Prodotti per la posa in opera: allo stesso modo, i prodotti possono essere scelti già prima della posa in opera, in funzione della composizione dei due nodi, quello primario e quello secondario.

Nel caso invece di sola sostituzione dei serramenti non tutte le scelte sono programmabili, ma il più delle volte frutto di quanto si trova in cantiere.

Sarebbe difatti buona abitudine smontare un serramento durante il rilievo misure definitivo e cercare di capire cosa c’è sotto. Non sempre però tutti i serramenti sono posati allo stesso modo e questo rappresenta un ulteriore punto interrogativo per chi rileva le misure.

Rispetto alla posa in nuova costruzione quindi, ecco ciò che cambia:

Posizione del serramento: è dettata da alcune situazioni presenti in cantiere. Non è quindi programmabile. Il serramento non può essere posizionato in corrispondenza dell’isolante, sempre che ve ne sia;

Tipo di controtelaio: se il controtelaio esistente è metallico e il committente non vuole “polvere” il ponte termico resta. In questo caso meglio prevedere una barriera al vapore sul lato interno, in modo da evitare che l’aria ricca di umidità, entrando nel nodo secondario, possa condensare. Si può inoltre pensare a isolare internamente la spalletta, al fine di evitare la formazione di muffa e/o condensa superficiale. Per fare questo, materiali in grado di assorbire acqua sono sicuramente preferibili ai normali isolanti (Es. Silicato di Calcio);

Nodo primario e secondario: il più delle volte non si può intervenire sul nodo primario. L’unica cosa che si può fare è prevedere uno strato di tenuta tra il vecchio telaio e la muratura. Una barriera al vapore sicuramente evita l’ingresso di umidità nel nodo. L’aria calda, ricca di umidità, incontrando strati a temperatura più bassa, condensa. Un eccessiva presenza di condensa nel nodo secondario è sicuramente da scongiurare. Per il nodo secondario invece, si possono usare tutte le accortezze del caso, come nel caso di nuova costruzione;

Prodotti per la posa: la scelta è sicuramente più complicata rispetto alla posa sul nuovo, ma tutto sommato non impossibile. Se si usa Schiuma PU differenze dimensionali possono essere facilmente compensate. Nel caso invece di posa in opera con nastri auto espandenti, è preferibile avere diverse misure nel furgone.

Per concludere, preciso che esistono delle esigenze personali, come ad esempio la necessità di isolare acusticamente e non termicamente la propria abitazione, o magari la necessità di una particolare schermatura e/o protezione anti-effrazione. Il mio consiglio è quello quindi di valutare come sempre le proprie esigenze, capire il contesto in cui si opera. Valutati questi aspetti, si passa alla progettazione della posa in opera.

Se anche tu vorresti serramenti nuovi per la tua casa chiedici un consiglio per l’acquisto!

ATTENZIONE:

Non investire un altro euro a casa tua prima di aver letto il nostro MANUALE TECNICO…

Leggendolo capirai perché molti interventi di isolamento e umidità in casa falliscono, per colpa delle 5 Cose che il 99% degli esperti del settore NON dicono ai clienti”

  1. Leggerai per la prima volta le cose che molti addetti ai lavori sanno “di non dover dire” ai propri clienti
  2. Vedrai come poter ridurre i rischi di insuccesso affidandoti a soluzioni sbagliate
  3. E infine… scoprirai un metodo per come procedere con la massima sicurezza di isolare il tuo edificio correttamente ed eliminare i problemi di umidità!