Acquistare casa: cosa chiedere all’agenzia immobiliare

acquistare casa cosa chiedere all'agenzia immobiliare

Quando devi acquistare casa, certe abitazioni, grazie a particolari architettonici come travi e scale a vista, finiture particolari, arredo su misura, e anche alla posizione, ti conquistano al primo sguardo.
Acquistare una casa è un ottimo investimento, sia che si tratti di una casa nuova o da ristrutturare è comunque un affare.

Lo è se ci andrete a vivere per godere delle virtù più ricercate in qualsiasi abitazione: posizione, benessere climatico, luminosità. Ma l’affare più grosso si fa comprando, ristrutturando e rivendendo, tenendo anche conto che regioni e comuni offrono non pochi incentivi a chi ristruttura.

Tuttavia non sempre agli occhi di un acquirente l’acquisto di una casa appare come un affare. Ciò è dovuto a una serie di caratteristiche che, per i comuni standard di valutazione immobiliareconcorrono a definire le case da ristrutturare come meno pregiate rispetto a quelle nuove, soprattutto per tre fattori:

    1. l’efficienza energetica
    2. le finiture desuete
    3. la suddivisione degli spazi interni

l primo di questi fattori, il problema cioè della scarsa efficienza energetica, o meglio del troppo caldo in estate e del troppo freddo in inverno, può essere totalmente contrastato con una ristrutturazione, che preveda una corretta e mirata coibentazione delle pareti e la scelta di serramenti a taglio termico.

L’importante dopo aver sostituito i serramenti, è ventilare correttamente i locali per evitare che tutta l’umidità di condensa prodotta e che prima fuoriusciva grazie alla presenza di alcune micro infiltrazioni di aria dai serramenti vecchi, possa dare origine a fenomeni di muffa sulle pareti più fredde della casa.

Se le finiture come i rivestimenti, le pitture e le piastrelle, appaiono desuete, potete sostituirle con interventi di manutenzione ordinaria, quindi senza la necessità di ricorrere a pratiche edilizie importanti.

Se invece anche gli impianti non sono conformi alla normativa è necessario ripristinarli facendo ricorso ad una manutenzione straordinaria, che preveda alla chiusura della pratica la presentazione nel Comune di riferimento del collaudo di regolare esecuzione emesso dalla ditta esecutrice.

Cambiare la disposizione degli ambienti all’interno della casa richiede invece uno studio approfondito da parte di un tecnico, sia per quanto riguarda le finiture che per quello che riguarda la struttura della casa. Molte volte le pareti che vorremmo demolire sono portanti e perciò non è possibile farlo.

Per eseguire tutti questi piccoli interventi come quelli legati al risanamento per problemi di umidità e muffa, si pensa che non è necessario essere degli esperti e vengono spesso eseguiti in economia. Tuttavia chiedere il parere ad un professionista potrebbe costare molto di più che non farlo.

Ecco quindi che appare essenziale informarsi all’atto dell’acquisto dell’immobile se tutto quanto descritto finora sia possibile.

Cosa chiedere all’agenzia immobiliare

  1. La casa o l’appartamento ha subito interventi di ristrutturazione e quali?
  2. La casa era o è soggetta a problemi di umidità?
  3. Se la casa aveva problemi di umidità, come sono stati risolti e quanto tempo fa?
  4. Qual’è la stratigrafia dei muri?
  5. Sono stati eseguiti interventi di isolamento?
  6. Quando sono stati fatti gli impianti e in che condizioni versano?
  7. La legge regionale consente di creare nuove apertura (come finestre o porte finestre) al fine di raggiungere i requisiti minimi igienico-sanitari previsti dalla legge?
  8. E’ possibile intervenire sula disposizione dei muri interni e fare un’ampliamento o ci sono dei vincoli sulle cubature o sui confini?

Spesso l’acquisto di una casa viene fatto con sentimento perché ci si innamora della sua posizione o di particolari che la rendono unica dal punto di vista estetico. Ma ricordiamoci che prima di ogni cosa sarà necessario accertare i titoli di acquisto dell’appartamento o il regolamento condominiale.

Molte volte accade però che l’aver sottovalutato nel momento dell’acquisto le condizioni reali dell’edificio, comporti un notevole aumento delle spese di manutenzione negli anni successivi.

Per una persona che non si occupa di problemi di umidità e riqualificazione energetica degli edifici, è praticamente impossibile riconoscere già visivamente il valore reale dell’edificio che vuole acquistare, perché non ha la preparazione per farlo. Inoltre accade che spesso chi gestisce la vendita e conosce le problematiche o i difetti di ciò che vende tenti in qualche modo di nasconderli.

Tuttavia, se un edificio non è stato eseguito in modo accurato, nel giro di poco tempo dall’acquisto potrebbe mostrare i primi sintomi di degrado che potrebbero trasformarsi in veri e propri incubi!

Per evitare che accada, bisogna osservare in modo attento l’edificio e cercare di capire se le problematiche da cui è affetto possono essere risolvibili e a che prezzo. Forse ti piacerebbe essere consapevole che la casa che vorresti acquistare e di cui ti sei perdutamente innamorato in realtà ha un costo al quale dovranno sommarsene altri per riqualificarla!

Questo potrebbe offrirti il vantaggio di contrattare sul prezzo d’acquisto oppure, nel caso in cui la trattativa con il venditore non vada a buon fine di evitarti un sacco di problemi futuri.

Durante un sopralluogo cosa devi guardare per valutare la qualità dell’edificio che vuoi acquistare?

  1. l’orientamento e la forma;
  2. l’esposizione e l’ombreggiamento;
  3. i problemi di umidità;
  4. l’isolamento ed i ponti termici;
  5. l’efficienza dei serramenti;
  6. l’umidità interna e la ventilazione;
  7. l’impianto termico.

Se anche tu devi acquistare casa, ricorda che a volte non chiedere aiuto a un professionista può costare molto di più che non chiederlo!

by Katia Durì in a chi devo rivolgermi?

scarica-il-manuale per ristrutturare