7 punti fondamentali per ristrutturare casa

7 punti per ristrutturare casa

Durante la ristrutturazione della casa ci sono molti fattori e dinamiche imprevedibili che possono condizionare l’esecuzione dell’intervento. Focalizzando la propria attenzione su 7 punti fondamentali per ristrutturare casa si evita che questi imprevisti condizionino il progetto e la buona riuscita dell’intervento.

1. Struttura

La casa può essere immaginata come un organismo che è stato generato con il progetto e partorito con la costruzione: un edificio che contiene tutti gli elementi e le caratteristiche corporee. Ristrutturare la casa, alcune volte, potrebbe comprendere interventi al suo “apparato scheletrico”, o meglio alla sua struttura.

Che sia in legno o in cemento, la struttura di una casa molte volte ci impedisce di poter fare quello che vogliamo, perché alcuni muri che vorremo demolire per cambiare la disposizione degli spazi, possono essere strutturali e perciò o vanno conservati, oppure se tolti sostituiti con un nuovo elemento portante.

Non scoraggiarti! Molte volte con l’aiuto di un professionista è possibile trovare delle soluzioni inaspettate, anche migliori di quello che hai immaginato. Il limite strutturale può diventare magicamente un pregio, qualcosa che rende unica la tua casa!

Intervenire sulla struttura, almeno che un ingegnere non ritenga necessario un adeguamento antisismico, è comunque sempre l’ultima carta da giocare se si vuole evitare l’aumentare dei costi dell’intervento e della burocrazia collegata alla redazione dei calcoli strutturali.

2. Involucro

Ristrutturare la casa significa anche migliorare la qualità della propria vita investendo sulla salubrità degli ambienti e creando degli spazi confortevoli. Per farlo è necessario investire l’attenzione su tutti i muri e i solai che separano gli ambienti riscaldati dall’esterno. In particolare è necessario osservare i muri e riconoscere la presenza di eventuali fenomeni di umidità e la qualità dei serramenti. Anche il tetto è molto importante a livello energetico e deve essere sistemato in modo che per prima cosa non disperda calore e poi che sia gradevole esteticamente.

Purtroppo mi dispiace dirlo…ma sugli interventi che riguardano l’involucro non ci si può permettere di andare al risparmio! Piuttosto è meglio eseguire gli interventi gradualmente nel tempo ma non rinunciare di fare quello che è necessario solo per il gusto di vedere tutto e subito bello! Nascondere i problemi non è risolverli.

3. Spazio

Nella ristrutturazione di un edificio si parte dal passato per arrivare a uno spazio abitabile. È quindi molto importante trovare un equilibrio tra quello che c’era e quello che ci sarà, così da non stravolgere completamente l’anima della casa e, allo stesso tempo, renderla comoda e funzionale. Nella ristrutturazione della casa è importante progettare gli spazi, passando da una disposizione classica con stanze definite a una più fluida in cui gli ambienti sono interconnessi, con aree distinte per funzione, ma che si avvicendano con continuità. In questo modo si sfrutta tutto lo spazio, anche quello che prima era poco utilizzato, come le aree di passaggio.

4. Dettagli

Durante la ristrutturazione di una casa va deciso se gli elementi originali devono essere valorizzati oppure sostituiti con soluzioni più funzionali. Nel caso la ristrutturazione riguardasse case di rilevanza storica, gli elementi come porte, finestre e pavimenti possono essere recuperati e riportati al loro aspetto originale. Se invece quello da cui si parte è un rudere o una casa al grezzo, i dettagli devono essere studiati per adattare la casa alle esigenze di chi la abiterà.

5. Dimensioni

Una delle cose da valutare sono le dimensioni degli ambienti. Essi dovrebbero essere ariosi per quanto possibile, ma soprattutto rispettare le prescrizioni sulla ventilazione e l’illuminazione previsti dalla normativa in campo edilizio. Nel caso di un soffitto a doppia altezza, un soppalco che si affaccia sulla stanza aggiungerà spazio all’abitazione, creando nel contempo un movimento nei volumi che trasformerà un ambiente troppo alto in un risorsa per la casa.

6. Qualità

Ciò che distingue la ristrutturazione edilizia dalla nuova costruzione di una casa, è la possibilità di definire la qualità dell’intervento. Partendo da un rilievo e un’analisi dei dati che descrivono in maniera oggettiva lo stato di efficienza della casa da ristrutturare, è possibile individuare gli interventi edilizi mirati per renderla più confortevole e bella.

In base al tuo budget e agli incentivi fiscali, mentre la abiti, puoi dilazionare nel tempo i costi degli interventi necessari a concludere la ristrutturazione.

7. Tempo

Nel caso della ristrutturazione, in base al grado di complessità, è sempre più difficile stabilire i tempi di realizzazione. Durante l’esecuzione dei lavori, possono infatti emergere delle problematiche che non erano state considerate in fase di progetto. Inoltre ci sono alcuni interventi, soprattutto quelli riguardanti il risanamento conservativo, che non possono essere eseguiti in maniera repentina. Molte volte si vorrebbe risolvere tutto subito, ma la fretta di fare le cose potrebbe comportare il rischio di investire inutilmente il proprio denaro. E’ perciò necessario soprattutto in casi come questi, affidarsi all’esperienza di professionisti dei problemi di umidità e isolamento.

by Katia Durì in come ristrutturare

scarica-il-manuale per ristrutturare
Title
Article Name
7 punti fondamentali per ristrutturare casa
Description
Focalizzare l'attenzione su 7 punti fondamentali per ristrutturare casa evita imprevisti e la buona riuscita dell'intervento.
Author
Programma Sinergia